Meno produttivi, più presenti

Che belli sono i post di fine anno?

Soprattutto per quelli come me che sono stati poco attenti qua da queste parti ultimamente: si scoprono un sacco di cose, principalmente belle. Chi ha fatto viaggi stupendi, chi aspetta dei nuovi piccoli viaggiatori, chi continua a realizzarsi e a creare cose bellissime.
Chi aspetta un nuovo inizio, qualunque cosa voglia dire.

Io ho avuto un anno pieno, che più pieno non si può.

Pieno di regali: il più grande di tutti, il mio Clarino.

Ma anche belle soddisfazioni lavorative, belle novità, belle persone accanto.

E un regalo importantissimo e fondamentale in questo anno: il tempo di tutti quelli che ce ne hanno voluto donare un po’ perché noi potessimo concentrarci anche un po’ su noi stessi.

Pieno di prime volte: mie come persona, come mamma, come figlia, come viaggiatrice.
Della Clara, dal primo sorriso ai primi cappelletti.

Pieno di gratitudine: pieno pieno pieno pieno. Che mi squizza fuori dalle orecchie per tutte le volte che vorrei dire grazie. GRAZIE.

Pieno di sonno: che mi scappa da ridere a pensare a quando, prima di avere la Clara, pensavo di essere stanca 😂 voi genitori di 2+ bambini là fuori: avete tutta la mia imperitura stima.

Pieno di viaggi, aerei, letti diversi, fusi orari, ritmi scombinati e creativi.

Pieno di cose che avrei voluto fare e non ho fatto: tipo scrivere qui, dipingere di più, leggere più libri.

Mi sono sentita tante volte come quando agli scout da piccola tentavo di rinfilare il sacco a pelo nel suo sacchettino: era troppo piccolo, era impossibile! Calci, pugni, nervosi: e alla fine metà rimaneva sempre fuori. Così quest’anno col tempo: nonostante tentassi di infilare tutto nelle mie giornate, metà delle cose restava sempre fuori (nonostante calci e pugni – metaforici – e nervosi!).

Quest’anno ho dato tutto. Ma ho ricevuto indietro così tanto di più.

Nel 2020 voglio essere meno produttiva e più presente.

Lo auguro a me e anche a tutti voi.

Buon inizio, anzi, buona partenza!

2 thoughts on “Meno produttivi, più presenti

  1. Lo sai che ti adoro e che ti seguo con affetto e tanta stima. Grazie a te continuo a scrivere e, nonostante l’età e gli acciacchi, ad avere occhi curiosi e affamati di bello. Auguri cara e grazie per essere come sei. Diversa da tutti/e quelli che pur di scrivere usano le persone care, i momenti intimi che dovrebbero rimanere nel cuore. Un abbraccio

Rispondi