Ho Chi Minh City in 10 scatti

Questo post fa parte del progetto In 10 scatti.

Questo è il primo post, quello dove spiego come funziona: Un nuovo progetto, una nuova sfida: #in10scatti.

Dieci fotografie (scattate rigorosamente da me) per raccontare una città, una volta alla settimana, per tutto l’anno.

Ecco a voi la mia Ho Chi Minh City in 10 scatti.

Una città strana, contrastante.
Fredda e accogliente.
Caotica e silenziosa.
Moderna e storica.

Affascinante e respingente.

Goloserie più belle che buone al Bến Thành Market

Goloserie più belle che buone al Bến Thành Market

La Pagoda dell’Imperatore di Giada, con i suoi silenzi e il suo incenso pungente

La Pagoda dell’Imperatore di Giada, con i suoi silenzi e il suo incenso pungente

Ho Chi Minh City coi suoi grattacieli

Ho Chi Minh City coi suoi grattacieli

Ho Chi Minh ti osserva

Ho Chi Minh ti osserva

Provateci voi ad attraversare

Provateci voi ad attraversare

Al Bến Thành Market ci ho perso le ore

Al Bến Thành Market ci ho perso le ore

Il passato e il presente si mescolano ad ogni angolo ad Ho Chi Minh City

Il passato e il presente si mescolano ad ogni angolo ad Ho Chi Minh City

Arrampicata sportiva al mercato

Arrampicata sportiva al mercato

Il Palazzo della Riunificazione, simbolo della fine della guerra

Il Palazzo della Riunificazione, simbolo della fine della guerra

Il Vietnam è la nostra coscienza

Il Vietnam è la nostra coscienza

12 thoughts on “Ho Chi Minh City in 10 scatti

  1. Il tuo blog è un appuntamento fisso, mi sveglio ogni mercoledì con la curiosità di scoprire dove ci porteranno i tuoi dieci scatti. Bellissimo il tuo vietnam, bellissimo il tuo modo di vedere (e farci vedere) il mondo.

  2. Come sempre ottimo appuntamento il tuo #in10scatti !! MA solo io non vedo la foto dell'”Arrampicata sportiva al mercato” ???

  3. Irene, scusa vorrei prenotare volo da HCM ad hanoi, hai mai preso la VietJet oppur epuoi consigliamri altre compagnie, di sicuro aereo, poiché ho poco tempo…ed inoltre, hai buone tips per escursione sulla bai di HAlong? grazie Elvira

  4. Buongiorno
    io sono stata in Vietnam nel 1993, pochi mesi dopo che fosse aperto al turismo. Inutile dire che è stata un’esperienza indimenticabile. Atterrare ad Hanoi è stato come fare un tuffo nella storia( io poi ero piuttosto “presa” dalla storia della guerra vietnamita). Oggi a 50 anni vorrei fare un viaggetto in Asia con i miei figli adolescenti e ho pensato di ritornarci. Temo un po’ di essere insofferente al turismo di massa e al paese che trover`0. Voi avete sempre fatto dei transfer privati ( ovvero senza altri turisti) ? Ho orrore di ritrovarmi in comitive armate di cellulari pronti a scattare selfie ovunque…) Non so bene cosa fare. Cosa mi consigli?

    • Ciao Patrizia! Devo dire che per come l’ho vissuto io il Vietnam non è (ancora) stato invaso dai turisti con selfie stick. Io ho trovato viaggiatori molto rispettosi e interessati. Noi abbiamo fatto diversi spostamenti, alcuni privati, altri in treno, altri in aereo, dipende. Su questo tema ti consiglio di contattare Anh: può aiutarti lei a evitare più possibile le destinazioni “di massa” 🙂

Rispondi a Sandra Annulla risposta