Perché aprire un blog?

Adesso vi spiego perché valga la pena aprire un blog.
Lo spunto nasce dal fatto che ieri mi è arrivata una mail talmente bella che ho chiesto a Giulia il permesso di pubblicarla.

C’è dentro tutto.

Ci sono dentro le notti in bianco passate a scrivere, i taccuini pieni di appunti di ritorno da ogni viaggio, le ore e ore impiegate a rispondere a ogni mail, l’impegno preso con voi 4 anni fa di rispondere a ogni commento, a ogni tweet, a ogni messaggio (chiunque scelga di investire un po’ del suo tempo per scrivermi merita che io ne investa almeno il doppio per rispondere). Ci sono dentro i viaggi passati, presenti e futuri, i viaggiatori incontrati e i viaggiatori aiutati.

C’è dentro tutto il senso di scrivere un blog.

La mail di Giulia è questa qui:

Perché aprire un blog Continue reading

Paura di volare (direi piuttosto che ho una fifa blu): come superarla?

Io non è che ho paura di volare. Mi cago proprio sotto.

E vivo a San Francisco, quindi per tornare a casa mia in Romagna ogni volta mi devo sparare quella quindicina di ore di volo che non augurerei neanche al mio peggior nemico.
Sarei più serena se tra qui e l’Italia ci fosse un ponte tibetano con fossato infestato dai coccodrilli.

E mi piace viaggiare. Viaggiare lontano, in posti diversi, sconosciuti, selvaggi, che mi rivoltino il cervello come un calzino.
Quindi come si fa? A nuoto no.
O mi chiudo in casa e rinuncio ai viaggi oppure decido che questa fobia non mi fermerà mai.
Quindi continuo a cagarmi sotto, però continuo a prenotare aerei e a volare per tutto il mondo.

E a scrivere in questo blog di viaggi (che spesso iniziano proprio salendo sull’ennesimo aereo).

Come superare la paura dell'aereo - le mie soluzioni Continue reading

Sulla nuova maglietta Ink Your Travel c’è una mappa da colorare con i vostri viaggi

Ink Your Travel nasceva un anno fa e mi cambiava la vita (per chi non sapesse di cosa sto parlando qui c’è il post dove lo racconto > Ink Your Travel: le magliette per viaggiatori disegnate a mano).

Dal 20 marzo del 2015 io e Silvia abbiamo costruito, un pezzettino alla volta, questa cosa bellissima che è diventata anche più grande e più bella di quanto ci saremmo mai potute immaginare all’inizio.

Il 20 marzo del 2015 c’erano 4 modelli di magliette e c’eravamo noi due, con l’emozione e la paura del lancio.
Quel giorno, il primo, decine e decine di viaggiatori hanno acquistato una Ink Your Travel dandoci fiducia.

Due giorni dopo è arrivata la prima ristampa, era tutto sold out. Che soddisfazione.
Poi è arrivata la collaborazione con il team di Bookstee (edizione limitata che è ora terminata), sono arrivate centinaia di vostre foto con le Ink Your Travel dal mondo (CENTINAIA, vi immaginate tutti questi viaggiatori insieme con la loro Ink Your Travel?), è arrivata la collezione invernale con felpe, tazze, taccuini e shopper.
Poi sono arrivati i tag per le valigie e gli zaini, fatti a mano in pelle da un artigiano di Vittorio Veneto, era il nostro sogno vederli realizzati.

E oggi arriva finalmente lei, un pezzettino di Ink Your Travel di cui mi sono innamorata follemente fin dall’inizio.
Oggi scrivo questo post perché abbiamo realizzato una maglietta che mi piace così tanto che non potevo non scriverlo qui.

Oggi nasce la Ink Your Map: una mappa bianca, un pennarello da stoffa colorato, una maglietta personalizzabile, diversa per ogni viaggiatore, per ogni storia.
Sulla nuova maglietta Ink Your Travel c’è una mappa da colorare con i vostri viaggi.

Ink Your Map - colora la mappa della tua maglietta con i tuoi viaggi Continue reading

Volo Turkish con scalo lungo a Istanbul? Hai una notte in hotel gratis ma non te lo dicono

Avete mai volato con Turkish Airlines?
Io sì, una delle migliori compagnie mai prese (sopra la Turkish direi solo Emirates e Ethiad, in questo ordine).

La Turkish è una delle compagnie più economiche per voli intercontinentali dall’Italia, ha aerei super moderni e un servizio a bordo attentissimo.

La palla però è che spesso gli scali a Istanbul sono INFINITI.
Nel mio volo A/R Bologna-San Francisco con scalo a Istanbul ho avuto 15 ore di scalo sia all’andata che al ritorno, da spararsi.

MA!
Ho scoperto una cosa meravigliosa che non so perché non è spiegata/pubblicizzata a sufficienza da nessuna parte: se il vostro scalo a Istanbul supera le 10 ore Turkish Airlines vi offre una notte in hotel e lo shuttle A/R aeroporto-hotel.

Ora vi spiego come funziona.

Uno scalo lunghissimo - 15 ore - all'aeroporto di Istanbul Continue reading

Playlist di musica sorridente per un viaggio con gli amici

[Edit febbraio 2016: qui trovate la playlist di Spotify >>> Playlist di musica sorridente per un viaggio con gli amici]

È arrivata la primavera e io ho sempre più voglia di ascoltare musica sorridente e che mi faccia saltellare.

Sull’iPhone ho mille playlist e la maggior parte è a tema viaggio: playlist da road trip, da viaggio zaino in spalla, da viaggio-meditazione.
Poi ho una playlist dedicata a ogni viaggio che ho fatto: quella che ascoltavo in Nepal, quella del Vietnam, quella degli USA, quella del Messico.
Qui ne trovate qualcuna.

Ne ho una che sto ascoltando in questi giorni che mi fa sorridere fortissimo.
È quella dedicata ai viaggi con gli amici.
È una playlist allegra, solare, che fa venire voglia di estate, di finestrini aperti, di piedi nella sabbia, di chiacchiere fitte fitte, di persone del cuore.
È un mix di tutte le canzoni che abbiamo ascoltato negli anni in appartamenti al mare, in case in montagna, in hotel di New York, in macchine scassatissime senza aria condizionata stretti come delle sardine ma felici.

Gustatevela, mettete su il sorriso più bello che avete e spegnete i pensieri cupi.
(I titoli asteriscati* sono le mie super preferitissime)

Buon ascolto e buona strada.

musica per un viaggio con gli amici Continue reading

If you can dream it, you can do it

Uno dei miei sogni sta per diventare realtà.
Il 20 di marzo.
Un sogno che ho in testa da tanto tempo, di quelli che si presentano appena appoggi la testa sul cuscino e non ti fanno dormire da quanto girano forte gli ingranaggi del tuo cervello.

Un sogno che un po’ ha a che fare con i viaggi e un po’ no.

Una di quelle cose che dici “Lo faccio? Non lo faccio?” cento volte.
E alla fine chiudi gli occhi, prendi un bel respirone, stringi i denti e lo fai.

If you can dream it, you can do it Continue reading

Lucine in un barattolo: come realizzare la tua lampada

[Questo post non c’entra nulla con i viaggi. C’entra con le cose belle, l’arredamento, la mia casina, il fai da te e ache un po’ il Natale]

Ve la ricordate la lampada che ho sul mio comodino fatta con le lucine?
Mi avete chiesto a centinaia (e non esagero) come ho fatto a farla.

Quindi ho pensato di farvi un bel tutorial, passo dopo passo, per realizzarla.

Quale periodo migliore di questo?
Dopo aver smontato l’albero di Natale avete messo le lucine in un cassetto?
Tiratele fuori e costruitevi una lampada che sembra un barattolo di luccioline illuminate!

La mia abat-jour con le lucine

La mia abat-jour, sul mio comodino

Abat-jour con le lucine

La lampada sul comodino di Massimo

Continue reading