Consigli pratici per organizzare un viaggio a San Francisco (e in generale in California)

State per partire per un meraviglioso viaggio on the road attraverso la California e una delle vostre tappe è proprio San Francisco?
Siete nel posto giusto.

In questo post ho raccolto tutte le informazioni e i consigli che mi avete chiesto via mail da quando sono venuta a vivere qui.
Tutto quello che secondo me è importante sapere prima di venire a San Francisco: un po’ di informazioni pratiche per godervi al meglio il vostro viaggio.

Dove dormire e dove NON dormire, che tipo di assicurazione fare, se noleggiare l’auto o meno, quali app scaricare già dall’Italia e tante altre cosine.
Nei prossimi giorni pubblicherò anche un post su cosa vedere a San Francisco in tre giorni (che l’ho promesso a un’amica che sta per partire!).

Via che si va! 😉

Consigli pratici per organizzare un viaggio a San Francisco (e in generale in California)

Ci sono alcune cose assolutamente da sapere prima di partire.
Qui ho raccolto tutte le informazioni che mi sono sembrate più importanti.
Se avete altre curiosità o dubbi scrivetemi tutto nei commenti che nel caso integro in post così le informazioni rimangono a disposizione di tutti i viaggiatori futuri che passeranno di qua.

Gli argomenti del post sono:

1. L’assicurazione sanitaria

2. Dove dormire e dove invece NO

3. Su che siti prenotare gli hotel

4. Il CityPass di San Francisco: ha senso?

5. Noleggiare un’auto oppure no?

6. Le app fondamentali da scaricare prima di partire

7. La guida Due settimane in California dei ViaggiAutori

1. L’assicurazione sanitaria

Non si scherza su questo negli Stati Uniti.
Fate un’assicurazione sanitaria e non risparmiate neanche un euro su questo, mi raccomando.
Qua le cose sono serie, se vi succede qualcosa, prima di caricarvi in ambulanza vi chiedono l’assicurazione o la carta di credito: e il conto parte da 10mila dollari almeno.

E non pensate (come facevo io) “ah, ma tanto se mi succede qualcosa torno in Italia a curarmi“: a un mio amico è venuta una peritonite acuta mentre era qua e se non l’avessero operato nei giro di un paio d’ore ci avrebbe rimesso le penne.
Una cosa del genere non si prevede e non si controlla: lui non aveva male fino a 10 minuti prima, mangia sano, non fuma, non beve e fa sport tutti i giorni.
Se non avesse avuto l’assicurazione avrebbe dovuto pagare centinaia di migliaia di dollari di cure mediche. Non si scherza neanche un po’.

Scusate se vi faccio un po’ di terrore, ma davvero è una cosa seria.
Non so consigliarvi l’assicurazione migliore, io faccio sempre la Travelguard di AIG versione platino, ma per fortuna non sono mai stata male quindi non so darvi indicazioni sulla mia esperienza diretta.

L’importante è che facciate un’assicurazione che:

  • paga in anticipo (e non a rimborso)
  • il 100% delle spese
  • con un’assistenza 24/7 telefonica

L'assicurazione sanitaria in America

2. Dove dormire e dove invece NO

A San Francisco gli hotel o le stanze in affitto costano TANTISSIMO.
Cercate di prenotare prima possibile.

Le zone migliori

Le zone migliori per dormire a San Francisco sono quelle ben collegate dai mezzi e soprattutto sicure.

Io vi consiglio:

  • North Beach e Russian Hill: tutta la zona va bene ed è tranquilla e ben collegata
  • Financial District e Nob Hill: tra Broadway e California, non più giù – a ovest non andrei oltre Larkin St
  • Lower Haight: in particolare Haight St, Page St, Oak St e Fell St (qui di solito ci sono ottimi Airbnb)

In generale anche le altre zone (a parte quelle nel paragrafo sotto che sono da evitare) vanno bene, però queste elencate secondo me sono le migliori e le più sicure. Cercherei comunque di stare nella zona est.
Vi ho fatto anche una mappina per comodità (brutta ma utile, dai!):
Dove dormire e in quali quartieri a San Francisco - le zone migliori e più sicureDove dormire a San Francisco - le zone migliori e più sicure

Le zone assolutamente da evitare

Queste zone sono da evitare non perché scomode ma perché sono PERICOLOSE.
La gente gira armata e la sera è meglio che non ci passiate neanche a piedi, anche se dormite da un’altra parte.
Può essere che vostro cugggino ci abbia dormito e non gli sia successo niente, però come dice quel saggio di mio babbo “è la volta che fa”, quindi non tentiamo la sorte, ok?
Investite 20$ in più e state al sicuro.

Evitate come la peste:

  • il Tenderloin
  • SOMA
  • tutta Market St
  • Mission District fino alla 18th
  • Oakland (che non è SF, è oltre il Bay Bridge, ma evitate)

Anche qui ho fatto una mappa così ci capiamo:

Zona da evitare a San Francisco per dormire - dove NON dormire a San Francisco Zona da evitare a San Francisco per dormire - dove NON dormire a San Francisco 2

3. Su che siti prenotare gli hotel

San Francisco per quanto riguarda gli hotel ha costi alti (molto!) e qualità bassa (molto!).
Il mio consiglio è di spulciare per bene le recensioni e assolutamente di evitare la zona rossa perché è veramente pericolosa.

Questi sono gli strumenti che uso io in viaggio, soprattutto negli Stati Uniti:

  • Booking.com – per me il top in assoluto per due motivi: lo usa tantissima gente quindi le recensioni sono molte e generalmente realistiche (in media), permette la cancellazione gratuita fino al giorno prima (in quasi tutti gli hotel – verificate nella descrizione!). Non scegliete hotel con punteggio sotto il 7.5 se potete, gli americani hanno standard di pulizia abbastanza più bassi dei nostri (un 6 per loro è un 4 per noi, per intenderci).
  • Airbnb: costa un po’ di più degli hotel, ma la qualità è più alta. Se siete in più di 2 potete prendere un appartamentino intero e risparmiare qualcosa. Se siete in 2 potete prendere una stanza in una casa con altri e magari conoscere qualcuno di interessante.
  • Priceline: in particolare i suoi Express Deals. Sono offerte che vi permettono di fare una ricerca sugli hotel scegliendo tutti i criteri che volete (posizione, stelle, servizi…), ma non vi dicono il nome dell’hotel.
    Cioè voi mettete per esempio: “voglio un hotel nel Fisherman’s Wharf, con parcheggio, colazione inclusa e con almeno 3 stelle” e Priceline vi fa delle proposte facendovi vedere le caratteristiche e i prezzi delle strutture, ma oscurandone il nome (comunque generalmente sono tutte grandi catene). Che a un certo punto chissenefrega del nome se l’offerta è scontata al 60% e ha tutte le qualità che cercate, no? Ovviamente quando prenotate e pagate vi mandano una mail con il nome e tutti i dettagli. Tenete presente che però poi per qualunque problema o imprevisto dovete rivolgervi a Priceline, non all’hotel.
    Ho fatto un esempio di ricerca inserendo la data del prossimo weekend così capite cosa intendo:

Prenotazione hotel a San francisco con Express Deals di Priceline

4. Il CityPass di San Francisco: ha senso?

Il CityPass di San Francisco è il classico carnet di biglietti a prezzo molto scontato.
Il punto vero è che vi conviene solo se quei biglietti li usate tutti.

Io l’ho fatto per i miei quando sono venuti a trovarmi e sono stati a San Francisco per 10 giorni.
Comprende:

  1. Biglietto per 7 giorni per Cable Car e Muni Bus
  2. California Academy of Sciences
  3. Crociera della Baia di San Francisco con Blue & Gold Fleet
  4. Exploratorium oppure de Young Museum
  5. Aquarium of the Bay oppure Monterey Bay Aquarium

Il tutto costa 94$ invece di 185$. 
Quando i miei sono venuti hanno utilizzato tutti i biglietti e hanno risparmiato un bel po’. Tra l’altro avevamo comunque in programma di andare all’acquario di Monterey, all’Exploratorium e alla California Academy of Sciences anche prima di scoprire l’esistenza del City Pass.

Secondo me ha senso valutare in base a quanti giorni pensate di stare qua a San Francisco.
Se state 2-3 giorni lasciate perdere: non chiudetevi nei musei e men che meno negli acquari.
Se invece state 5-6-7 giorni allora secondo me è perfetto.
Valutate voi, sappiate che esiste.

Cable Car a San Francisco

5. Noleggiare un’auto oppure no?

Dipende.
Vediamo i pro e i contro:

Pro:

  • Alcune zone si raggiungono molto meglio in macchina: il Golden Gate Bridge, Sausalito, Ocean Beach, Twin Peaks
  • È molto probabile che dopo San Francisco scendiate in macchina verso Los Angeles quindi ha senso già prenderla
  • Siete più autonomi negli spostamenti e perdete meno tempo
  • Fate meno fatica
  • Se siete in 4-5 dividete il costo e conviene decisamente

Contro:

  • Quasi tutta San Francisco si gira bene a piedi (a parte le zone citate sopra): la città è 7 miglia x 7 miglia (11 chilometri sia da destra a sinistra che da sopra a sotto), in 2 ore e mezzo si attraversa tutta a piedi
  • Vivete la città a piedi in ogni suo dettaglio
  • I quartieri che non si raggiungono a piedi si raggiungono bene con i mezzi o con Uber (spendendo comunque meno che con una macchina a noleggio)
  • I parcheggi a San Francisco sono costosi
  • I parcheggi a San Francisco sono un incubo da trovare (soprattutto nelle zone turistiche)
  • Se siete in 2 il costo di macchina e parcheggio diventa pesante
  • Dovete per forza prendere un hotel con il parcheggio incluso se no di notte è impossibile parcheggiare

Detto questo: quando sono venuti i miei noi non l’abbiamo presa per stare dentro la città (solo per scendere a LA nel weekend).
Muoversi con i mezzi è facilissimo e Uber è un sogno (ve ne parlo tra pochissimo).

Noleggiare la macchina a San Francisco

6. Le app fondamentali da scaricare prima di partire

Ci sono alcune app che vi consiglio di cuore, che in Italia non sono molto usate, mentre qua sono ORO.
Ve le descirvo brevemente, vi lascio il link per approfondire e vi metto un paio di schermate dal mio telefono (che è in spagnolo, scusate, lo sto studiando!).

Uber – per spostarvi in città con auto private

In Italia Uber è stato massacrato, qua è lo standard.
Per chi non lo conoscesse: Uber è un servizio di taxi privati che si chiama tramite app.
Tu scarichi l’app, ti iscrivi e inserisci la tua carta di credito.
Poi quando hai bisogno di una macchina apri l’app, ti geolocalizzi, gli dici dove devi andare e pigi il bottone “chiama Uber”.
Lui ti dice chi ti verrà a prendere, in quanto tempo (mai più di 3-5 minuti a San Francisco) con che macchina, con che targa, quanto ti costerà e che tragitto sta facendo (vedi la macchinina sulla mappa che si avvicina a te).
Dopo di ché la macchina arriva, tu sali, e sull’app ti fa vedere quale tragitto farà l’auto per portarti a destinazione. All’arrivo saluti l’autista e l’app paga in automatico il tuo guidatore tramite Uber. La ricevuta arriva via mail con tutte le informazioni nel dettaglio.

Per risparmiare (io lo uso sempre) si può scegliere la modalità “Uber Pool” quando si chiama l’auto: significa che sei disponibile a condividere la corsa con altri passeggeri che sono sul tuo tragitto. In questo modo perdi magari 5-10 minuti, ma risparmi anche il 50% del costo.

Provatelo perché cambia veramente la vita.

Come funziona Uber

Google Maps – per spostarvi in città coi mezzi pubblici

Immagino che Google Maps non sia una novità per nessuno, ma a San Francisco è ancora più fondamentale che altrove perché ha anche tutti gli orari e le mappe dei mezzi pubblici aggiornate in tempo reale.

Se io dico a Google Maps che voglio andare da casa all’ufficio lui mi calcola, sulla base di dove si trovano in quel momento gli autobus, qual è il bus più veloce vicino a me. TOP.

Come utilizzare google maps a San Francisco

Yelp – per scegliere i ristoranti

Yelp è utilizzato a San Francisco nello stesso modo in cui in Italia viene utilizzato Tripadvisor (più o meno).
Qua Tripadvisor è utilizzato poco e generalmente quasi solamente dai turisti europei: se volete le opinioni degli “insider” le trovate su Yelp.

Potete scegliere i ristoranti per parole chiave, per costo, per zona e per un’altra decina di filtri.
Potete vedere le foto dei cibi e dei locali.
Io di solito mi geolocalizzo e scrivo nella barra di ricerca di Yelp quello che mi va di mangiare (ad esempio “eggs benedict”). Lui mi tira fuori tutti i posti le cui recensioni parlano di eggs benedict in maniera positiva nelle mie vicinanze – ovviamente in ordine di punteggio.

Yelp qua è utilizzato per valutare e lasciare recensioni su qualunque cosa, non solo ristoranti: dalle parrucchiere ai negozi di ferramenta.

Come funziona Yelp

Meetup – per trovare eventi e workshop per i vostri gusti

Meetup è una piattaforma che raccoglie tutti i gruppi di persone interessate agli stessi argomenti che si ritrovano – a cadenza più o meno costante – in una determinata città.

Scaricando l’app e indicando i propri interessi e il luogo dove ci si trova, si possono trovare eventi molto interessanti.
A San Francisco ce ne sono centinaia ogni sera.

Vi faccio un esempio per capirci meglio.
Io ho un blog e sono interessata all’utilizzo di WordPress. Quindi mi sono iscritta al Meetup di WordPress di San Francisco. Una volta al mese ci troviamo nella sede di Automattic e viene invitato un super guru di WordPress che ci insegna sempre cose nuove.

Secondo me può essere carino provare a partecipare a un meetup quando siete a San Francisco, si incontrano persone interessantissime ed è davvero un’esperienza local.

Come funziona Meetup

7. La guida Due settimane in California dei ViaggiAutori

Non so se conoscete il favoloso progetto dei ViaggiAutori (se no andate subito sul sito!), ma da poco è uscita la guida per organizzare un viaggio di due settimane in California.
Sono guide tascabili, a colori, leggere, di circa un centinaio di pagine, impostate su un itinerario di due settimane già sperimentato.

Quella sulla California descrive un itinerario di due settimane con tutto il meglio del Golden State (e una capatina in Nevada), tra deserti, sequoie, tappe curiose, brunch e meraviglie che solo gli USA sanno regalare.

L’hanno scritta due viaggiatori che conoscono gli States come le loro tasche: Paola Annoni (scusateiovado.com) e Gianni Mezzadri.
L’hanno scritta con l’aiuto di alcuni altri viaggiatori tra cui io, per la parte su San Francisco.
È davvero una grande soddisfazione vedere la mia faccina tra gli autori.

Secondo me è un progetto veramente bellissimo, dateci un’occhiata.

Guida per un itinerario di due settimane in California

16 thoughts on “Consigli pratici per organizzare un viaggio a San Francisco (e in generale in California)

  1. Se mi riesce vorrei visitare la California il prossimo anno, magari fare un salto al Comicon a San Diego, tornare a San Francisco e Los Angeles e spingermi stavolta fino alla Baja California. Sogna, Sara, sogna… 😉
    Grazie, come sempre, per le molte informazioni utili.

  2. Post come sempre utilissimo e ricco di preziose info. Uber è stata la mia salvezza, sia a Frisco che a LA, così come Yelp per scegliere dove mangiare. Ottime le dritte sulle zone dove non dormire, il Tenderloin è davvero un ghetto dove non ci passerei neanche in auto. Buon proseguimento negli States 😉 Monica

    • Proprio ieri hanno bloccato mezzo Tenderloin per un uomo armato e instabile, da evitare DECISAMENTE!
      Yelp e Uber qua sono assolutamente imprescindibili 🙂

  3. Non so come ringraziarti per questo post (e per tutti gli altri post che scrivi sempre con una capacità e una chiarezza incredibili).
    G R A Z I E di cuore, faremo il viaggio di nozze più bello del mondo grazie a te.

  4. Ciao! Intanto grazie mille per questo post, l’ho stampato e lo porteremo con noi per il nostro on the road in California ad agosto.
    Volevo chiederti un parere personale: vale la pena la guida edita da ViaggiAutori? Non ho mai acquistato una delle loro guide e non so se fidarmi. Grazie in anticipo se vorrai rispondere.

    • Vale proprio tanto la pena. Sono viaggiatori in gamba quelli che l’hanno scritta che ci hanno messo dentro i consigli che darebbero al proprio migliore amico. Vai sul sicuro 😉

  5. Ciao Irene, io e il mio fidanzato partiremo per San Francisco il 13 di agosto e staremo 3 giorni: cosa ci consigli di vedere? Grazie mille!

  6. Ciao Irene,
    abbiamo trovato tramite airbnb un appartamento in Duboce Triangle, dovrebbe essere tra la Hermann e la Webster Street.
    E’ una zona un po’ “al limite” rispetto alle Tue indicazioni..potrà andare bene?
    Grazie mille!!!
    Alessio

Rispondi