Il mio itinerario di due settimane in Vietnam

Eccoci con un bel post pratico per organizzare il vostro viaggio di due settimane in Vietnam.

L’ho scritto pensando a tutte quelle informazioni che avrei voluto trovare io mentre lo stavo organizzando (e che non ho trovato).
In questo post trovate l’itinerario completo e anche diviso per aree (sud, centro, nord) e la descrizione delle nostre giornate.

Vi ho fatto ben 4 cartine:

  • Itinerario totale del Vietnam da sud a nord,
  • zoom sulla parte di itinerario nel sud del Vietnam,
  • zoom sulla parte di itinerario nel Vietnam centrale,
  • zoom sulla parte di itinerario nel nord del Vietnam.

Se volete leggere i miei pensieri e le mie impressioni le trovate qui: Diario-brainstorming di un viaggio in Vietnam
Se cercate altre informazioni pratiche come i costi nel dettaglio, come ottenere il visto, temperature e robe varie, trovate tutto qui: Informazioni utili e consigli per organizzare un viaggio in Vietnam

Itinerario Vietnam

Informazioni generali

  • Giorni: effettivi 14, se si contano invece anche i giorni di viaggio diventano 17 (compreso un giorno ad Abu Dhabi perché abbiamo perso un aereo), dal’11 al 27 agosto. Qui comunque vi parlerò dei 14 giorni effettivi in Vietnam.
  • Area interessata: tutto il Vietnam, da sud a nord.
  • Spesa totale del viaggio: 1700€ a testa tutto compreso (tutto: dai voli A/R alla bia hơi, la birra vietnamita).
  • Persone: 4
  • Mezzi utilizzati (sono tantissimi, ma ve li metto tutti così durante l’organizzazione non avete dubbi, che i mezzi e gli spostamenti sono il casino più grande quando si organizzano i viaggi in particolare in Asia, almeno qui trovate per certo come abbiamo fatto noi):
    • treno per arrivare a Zurigo,
    • aereo da Zurigo a Ho Chi Minh City (scali a Belgrado e Abu Dhabi con Etihad),
    • transfer privato da Ho Chi Minh City a Can Tho per visitare il Delta del Mekong,
    • barchina sul Delta del Mekong,
    • transfer privato per tornare da Can Tho a Ho Chi Minh City,
    • aereo da Ho Chi Minh City a Da Nang (con Vietnam Airlines),
    • taxi dall’aeroporto di Da Nang a Hoi An,
    • transfer privato da Hoi An a Huè attraverso Hai Van Pass,
    • aereo da Huè a Hanoi,
    • pullman della compagnia della crociera V’Spirit compreso nel prezzo da Hanoi alla Baia di Halong,
    • barca in legno per la crociera di due giorni della V’Spirit alla Baia di Halong,
    • pullman della compagnia per tornare ad Hanoi,
    • escursione privata Hanoi – Ninh Binh A/R in van,
    • treno notturno da Hanoi a Lao Cai,
    • transfer privato da Lao Cai a Sapa e viceversa,
    • treno notturno per tornare ad Hanoi da Lao Cai,
    • aereo da Hanoi a Ho Chi Minh City,
    • aereo da Ho Chi Minh City a Zurigo (scalo a Abu Dhabi con Etihad).
  • Escursioni e transfer privati: per organizzare alcune escursioni abbiamo deciso di affidarci a un’agenzia vietnamita. Ne abbiamo contattate una cinquantina (non scherzo!) che abbiamo selezionato online e alla fine abbiamo scelto di farci seguire da Anh di ALO Travel Asia. Ci siamo trovati davvero meravigliosamente, se state per partire per il Vietnam potete contattare Anh via mail: ann@alobooking.net (ditele pure che vi ho dato io l’indirizzo, ci sentiamo quasi tutti i giorni!). Sotto nel dettaglio vi spiego quali escursioni abbiamo scelto di fare con loro.
  • Hotel:
    • Can ThoAnh Dao Mekong Hotel, davvero bellissimo, centrale, sopra i nostri standard soliti. 10/15€ a testa a notte con colazione compresa.
    • Hoi AnViet Family River, una guest house molto accogliente ma un po’ fuori dal centro, sinceramente non ve la consiglio, se trovate qualcosa di più centrale è meglio. Le bici sono gratis. 7€ a testa a notte con colazione compresa.
    • HuèJade Hotel. È carino, molto basico, davvero centrale. Il personale è disponibilissimo, sempre carino e sorridente. È un posto dove si sta bene. Ricordatevi di chiedere specificatamente di non avere le stanze a piano terra perché sono praticamente degli sgabuzzini. 5€ a testa a notte con colazione compresa.
    • HanoiCulture Hostel, molto comodo come posizione, carino e pulito, personale iper disponibile. Abbiamo preso le camere per 7 notti nonostante avessimo in programma di fare delle escursioni anche di più giorni (Baia di Halong e Sapa): in questo modo abbiamo potuto lasciare gli zainoni in camera e partire solo con il necessario per stare fuori una notte. Si può fare solo perché lì le stanze costano 6€ a notte con colazione compresa.
    • SapaBamboo Hotel, compreso nel pacchetto dell’agenzia per il giro di Sapa, un hotel pazzesco, ben sopra i nostri standard, ma veramente bellissimo, con il terrazzo sui monti e sulle risaie. Se ci sta nel vostro budget fate questo investimento perché ne vale la pena. 15/20€ a testa a notte con colazione compresa.
    • Ho Chi Minh CityHong Kong Kaiteki Hotel, la camera era un cubo costruito attorno al letto senza lo spazio per vivere. L’hotel offre anche la possibilità di dormire nelle capsule, ma quella che avevamo scelto era una camera matrimoniale, poca differenza. Sopportabile al massimo per una notte ma non ve la consiglio. 8€ a testa a notte senza colazione.

Ecco qua la cartina totale con tutto l’itinerario del Vietnam intero:

Itinerario di due settimane in Vietnam

Itinerario completo di due settimane in Vietnam

Facciamo così: qui di seguito vi metto l’itinerario in breve diviso per giorni, così potete dare un’occhiata generale al giro che abbiamo fatto.

Poi sotto vi descrivo ogni giornata e vi divido l’itinerario in sud, centro e nord.
È un lavorino un po’ lungo ma confido che verrà molto bene e che potrete fare un viaggio stupendo seguendo questo itinerario.

Itinerario in breve diviso per giorni

[i numeri vicino alle città sono riferiti a quelli sulla cartina, cliccando sul link del giorno si va alla descrizione approfondita della giornata]

1° giorno: HCMC (1), Can Tho (2) > notte a Can Tho

2° giorno: Can Tho (2), Hoi An (3) > notte a Hoi An

3° giorno: Hoi An (3), Cham Island > notte a Hoi An

4° giorno: Hoi An (3), Huè (4) > notte a Huè

5° giorno: Huè (4) > notte a Huè

6° giorno: Huè (4), Hanoi (5) > notte a Hanoi

7° giorno: Hanoi (5), Baia di Halong (6) > notte in crociera sulla Baia di Halong

8° giorno: Baia di Halong (6), Hanoi (5) > notte a Hanoi

9° giorno: Hanoi (5), Ninh Binh (7), Hanoi (5) > notte sul treno notturno verso Lao Cai

10° giorno: Lao Cai, Sapa (8) > notte a Sapa

11° giorno: Sapa (8), Lao Cai > notte sul treno notturno per rientrare a Hanoi

12° giorno: Hanoi (5) > notte a Hanoi

13° giorno: Hanoi (5), Ho Chi Minh City (1) > notte a HCMC

14° giorno: Ho Chi Minh City (1), volo di rientro di sera

Itinerario Vietnam del sud

Itinerario Vietnam del Sud

Itinerario Vietnam del Sud

1° giorno: HCMC (1), Can Tho (2) > notte a Can Tho

Arrivo a Ho Chi Minh City dopo numerosi voli e numerose peripezie (tipo un volo perso, uno stop non previsto ad Abu Dhabi e una toccata e fuga in Qatar).

All’aeroporto ci viene a prendere il transfer privato (che avevamo prenotato dall’Italia tramite Anh) che da Ho Chi Minh City ci porta a Can Tho sul Delta del Mekong. Il tragitto dura circa 3 ore.
Arrivati a Can Tho facciamo una doccia e usciamo a fare un giro in città.
Ceniamo al ristorante Sao Hom, sul Mekong, buonissimo (prendete i crispy noodles!).
Dormiamo a Can Tho all’Anh Dao Mekong Hotel, davvero bellissimo, sopra i nostri standard soliti.

Cena sul Delta del Mekong

Cena sul Delta del Mekong

2° giorno: Can Tho (2), Hoi An (3) > notte a Hoi An

La mattina presto (7:30) ci incontriamo con la nostra guida che parla inglese e partiamo per il giro in barca sul Delta del Mekong tra i floating market. Anche questo giro lo abbiamo prenotato con Anh. Si può fare anche senza, basta andare al molo e prendere una barchetta. Secondo me con la guida però ha più senso.

Dai floating market ci spostiamo in una “manifattura” di rice noodles: un’esperienza molto carina dove si segue tutta la realizzazione dei noodles di riso per essicamento.

Poi terza tappa ad uno splendido fruit garden sul Mekong dove abbiamo assaggiato tutti i tipi di frutti vietnamiti esistenti (ovviamente innaffiati con l’acqua del Mekong).

Ultima tappa ad una fabbrica di lavorazione del riso: stra interessante vedere tutto il processo dalla spiga al sacco di riso.

Nel pomeriggio riprendiamo il van per il trasferimento da Can Tho all’aeroporto di Ho Chi Minh City.
Volo da HCMC a Da Nang con Vietnam Airlines.
Taxi dall’aeroporto di Da Nang a Hoi An > costa 580mila dong, circa 20 euro.
Notte a Hoi An al Viet Family River, una guest house molto accogliente ma un po’ fuori dal centro. Le bici sono gratis.

Verso i floating market

Verso i floating market

Rice noodles factory

Rice noodles factory

Floating market sul Delta del Mekong

Floating market sul Delta del Mekong

Tutto quello che c'è in una spiga di riso

Tutto quello che c’è in una spiga di riso

Itinerario Vietnam centrale

Itinerario Vietnam centrale

Itinerario Vietnam centrale

3° giorno: Hoi An (3), Cham Island > notte a Hoi An

La mattina sono venuti a prenderci alla guest house con un pullmino gli organizzatori dell’escursione a Cham Island.
Se non siete appassionati di snorkeling e mare aperto potete trovare delle spiagge molto carine anche a Hoi An senza spendere i soldi dell’escursione.
Noi siamo partiti la mattina e rientrati a tardo pomeriggio.
Ci vuole un’ora di barca per arrivare all’isola e un’ora per tornare indietro.
Ci siamo fermati due volte per fare delle tappe di snorkeling: carino ma niente di esaltante, non aspettatevi di nuotare in mezzo a un arcobaleno di pesci tropicali, ecco.

Poi siamo arrivati sull’isola che è veramente splendida, sembra che dal mare sbuchi un pezzo di giungla dal nulla.
E la spiaggia è fantastica.
Saremmo voluti rimanere molto di più. Sull’isola ci sono anche una o due guest house incastrate dentro la foresta: se avete tempo passateci una notte, dev’essere meraviglioso. E quella spiaggia di prima mattina penso che sia il sogno di chiunque.

Siamo tornati indietro che era ormai tardo pomeriggio, ci siamo docciati, abbiamo preso le bici gratis che metteva a disposizione la guest house e siamo andati in centro a Hoi An.

Vi racconterò per bene di questo paesino, vi basti sapere che la sera cambia volto, diventa se possibile ancora più bello che di giorno. Sembra una magia.

L'arrivo a Cham Island

L’arrivo a Cham Island

Stelle marine...

Stelle marine…

...e pesci blu!

…e pesci blu!

La sera a Hoi An Lugo il fiume

La sera a Hoi An lungo il fiume

Le lanterne di Hoi An

Le lanterne di Hoi An

4° giorno: Hoi An (3), Huè (4) > notte a Huè

La mattina abbiamo fatto un’escursione in bici nelle campagne di Hoi An con l’agenzia Heaven & Hearth Bicycle Tours. Loro hanno l’ufficio in centro a Hoi An, ma ho trovato anche il sito così potete vedere un po’ quali sono le opzioni, organizzano anche corsi di cucina di un giorno o mezza giornata (altro rimpianto: non aver fatto il corso di cucina).
Il giro in bici è stato spettacolare, la nostra guida era una ragazza più piccola di me, Nhâm, dolcissima.
Ci ha portato in casa di una famiglia che prepara noodles artigianali, poi da un vecchino che coltiva germogli di soia e poi da una coppia di signori che hanno un piccolo orto di erbe aromatiche.
Tutti sorridenti e pieni di vita, è stato davvero splendido.

Al ritorno abbiamo passato qualche ora ad esplorare la parte vecchia di Hoi An con le sue case antiche e le bouganville fucsia.

Alle 16 ci è venuto a prendere il van per portarci da Hoi An a Huè (che avevamo prenotato tramite Anh ancora –ann@alobooking.net, si può fare anche in taxi o prenotarlo dall’albergo, ma costa di più, noi così abbiamo speso 17€ a testa per un transfer di 4 ore).
Abbiamo scelto di passare per Hai Van Pass che è la strada panoramica sulle montagne lungo la costa (l’alternativa sarebbe stato l’Hai Van Tunnel, ci mette meno ma passa dentro a un tunnel sotto le montagne e non si vede un tubo).

Siamo arrivati a Huè sulle 20 al Jade Hotel. È carino, molto basico, davvero centrale. Il personale è disponibilissimo, sempre carino e sorridente. È un posto dove si sta bene. Ricordatevi di chiedere specificatamente di non avere le stanze a piano terra perché sono praticamente degli sgabuzzini.

Per cena siamo stato al Golden Rice, a me è piaciuto particolarmente e abbiamo speso poco.

Noodles fatti a mano, parte 1

Noodles fatti a mano, parte 1

Noodles fatti a mano, parte 2

Noodles fatti a mano, parte 2

I germogli di soia

I germogli di soia

Nhâm, la nostra carinissima guida

Nhâm, la nostra carinissima guida

Hoi An di giorno

Hoi An di giorno

La splendida vista da Hai Van Pass

La splendida vista da Hai Van Pass

5° giorno: Huè (4) > notte a Huè

La mattina siamo andati lungo il fiume dei profumi per raggiungere la Cittadella a piedi.

Mille donnine ci hanno bloccato e ci hanno convinto a prendere la barca che ci avrebbe portato via fiume in tutti i posti interessanti di Huè. Noi ci siamo fatti convincere, ma la barca ci mette troppo secondo me, perché è tutto molto lontano. Cambiate mezzo, o prendetela per arrivare solo alla Cittadella. Io tornando indietro rifarei tutto il giro prendendo un auto con guidatore (in hotel ce l’avevano proposto).

Noi siamo stati alla Thiên Mụ Pagoda, alla Tomba Imperiale di Tu Duc (le altre sono molto molto lontane, potete affittare un’auto con guidatore e raggiungerle tutte) e alla Cittadella (splendida).

Thiên Mụ Pagoda

Thiên Mụ Pagoda

Tomba Imperiale di Tu Duc

Tomba Imperiale di Tu Duc

Dentro la Cittadella di Hue

Dentro la Cittadella di Hue

Con il rammarico di vederla mezzo distrutta dai bombardamenti

Con il rammarico di vederla mezzo distrutta dai bombardamenti

Itinerario Vietnam del nord

Itinerario Vietnam del Nord

Itinerario Vietnam del Nord

6° giorno: Huè (4), Hanoi (5) > notte a Hanoi

La mattina siamo partiti presto per andare a prendere l’aereo da Huè ad Hanoi per arrivare nella capitale all’ora di pranzo.
Siamo stati al Culture Hostel, molto comodo come posizione, carino e pulito, personale iper disponibile. Abbiamo preso le camere per 7 notti nonostante avessimo in programma di fare delle escursioni anche di più giorni (Baia di Halong e Sapa): in questo modo abbiamo potuto lasciare gli zainoni in camera e partire solo con il necessario per stare fuori una notte. Si può fare solo perché lì le stanze costano 6€ a notte con colazione compresa. Secondo me è stata un’ottima scelta, sono stati euro ben investiti.

Il pomeriggio siamo stati a zonzo per il quartiere vecchio di Hanoi, dove ogni via ha il nome del mestiere che vi si svolge. Meraviglioso.
Siamo arrivati fino al lago Hoan Kiem e siamo entrati nel tempio Ngoc Son sull’isolotto in mezzo al lago collegato dal ponte rosso.

Per cena abbiamo incontrato Anh, la nostra corrispondente dell’agenzia e abbiamo passato tutta la serata insieme.
Ci ha portato ad assaggiare il Bún Bò Nam Bộ (una zuppa di noodle, carne, germogli di soia, verdure – street food hardcore, abbiamo speso tipo 2€ a testa) nel posto più famoso di Hanoi.
Da lì ci siamo spostati sulle vie Lương Ngọc Quyến e Tạ Hiện, il centro della vita notturna vietnamita. Anche lì street food, birre (anzi, bia hơi) e chiacchiere.
Davvero uno splendido incontro e una serata stupenda.

La via delle mercerie nel Quartiere Vecchio di Hanoi

La via delle mercerie nel Quartiere Vecchio di Hanoi

Il lago Hoan Kiem

Il lago Hoan Kiem

I giochi al tempio Ngoc Son sull'isolotto in mezzo al lago

I giochi al tempio Ngoc Son sull’isolotto in mezzo al lago

Il Bún Bò Nam Bộ

Il Bún Bò Nam Bộ

Il casino a Tạ Hiện

Il casino a Tạ Hiện

7° giorno: Hanoi (5), Baia di Halong (6) > notte in crociera sulla Baia di Halong

La mattina ci è venuto a prendere il van della V’Spirit, la compagnia con cui avevamo prenotato la crociera sulla Baia di Halong, direttamente dall’hotel.

4 ore e una schiena rotta dopo siamo finalmente scesi da quel pulmino del demonio e siamo arrivati alla Baia di Halong, una di quelle visioni che ti fa scattare un clic nella testa. Una roba potente.

Siamo saliti sulla barca (non vi sognate le vele arancioni perché non le ha più nessuna barca), abbiamo pranzato (sempre pesce per due giorni, cucinato alla vietnamita, a me non piace, ma c’è chi apprezza) e intanto abbiamo iniziato a navigare.

Dopo qualche ora sperduti in mezzo alle isolette (splendido!) siamo andati a visitare le grotte di Sung Sot e una laguna meravigliosa che abbiamo raggiunto col kayak.

La sera musica e chiacchiere sul ponte in cima alla barca.

La crociera alla Baia di Halong

La crociera alla Baia di Halong

Dalla barca

Dalla barca

La nostra cabina

La nostra cabina

La Baia di Halong verso il tramonto

La Baia di Halong verso il tramonto

Grotte di Sung Sot

Grotte di Sung Sot

8° giorno: Baia di Halong (6), Hanoi (5) > notte a Hanoi

La mattina abbiamo fatto un’escursione su un’isoletta che ha un punto panoramico da cui si vede molto bene la baia e con una piccola spiaggia per fare il bagno.
Io l’ho fatto, ma sinceramente non è il massimo, l’acqua è trasparente, ma si ha proprio la sensazione di nuotare in mezzo agli scarichi delle barche. Meh.

Rientrati in barca abbiamo fatto un mini corso di cucina vietnamita (per imparare a cucinare i fresh spring rolls) e dopo pranzo siamo scesi a terra.

Altre 4 ore col pullmino del demonio per tornare a Hanoi.

Il pomeriggio e la sera in giro ad esplorare la città.

Cooking class in cui sono stata scarsissima

Cooking class in cui sono stata scarsissima

I villaggi sull'acqua alla Baia di Halong

I villaggi sull’acqua alla Baia di Halong

La sera sul Lago Hoan Kiem

La sera sul Lago Hoan Kiem

9° giorno: Hanoi (5), Ninh Binh (7), Hanoi (5) > notte sul treno notturno verso Lao Cai

Giornata a Ninh Binh, soprannominata la Baia di Halong terrestre.
Anche questa escursione prenotata con Anh (ann@alobooking.net). Anche qui non è necessario, si può fare dall’hotel ma costa di più, noi abbiamo speso 40€ a testa tutto il giorno (trasporti, pranzo, entrate, barca…).

Prima tappa il Bái Đính Temple, un luogo spettacolare, con le statue di Buddha dorate alte metri e metri. La salita per arrivare in cima è accompagnata da 500 statue di Arhat, grandi personaggi buddisti.
Non è un luogo storico, è stato costruito nel 2003, però è davvero imponente. Ve lo consiglio molto se avete tempo.

Seconda tappa le grotte e il fiume di Tràng An. Qui abbiamo passato due ore immersi nella natura silenziosa a bordo di una barchetta di legno a remi con una donna vietnamita fortissima che ci aiutava a mandar avanti a barca.
Si passa attraverso grotte, tunnel di roccia bassissimi e paesaggi incredibili. Anche questo da fare.

Nel complesso una giornata che vi consiglio.
(A parte il pranzo tipico a Tràng An dove abbiamo mangiato carne di capra e riso e aiuto.)

Sulle 18 siamo rientrati a Hanoi, siamo passati in hotel a preparare lo zaino per Sapa e siamo andati alla stazione per prendere il treno notturno.

Il treno e l’escursione a Sapa l’avevamo prenotata con l’agenzia di Anh. Questo per semplificare le cose e perché avevamo letto su internet che i treni si potevano acquistare solo tramite agenzia.
Comunque noi siamo stati super contenti perché questo ci ha permesso di conoscere Minh, la nostra guida, l’incontro più bello di tutto il Vietnam.
Un ragazzo dolcissimo che abita in un villaggio vicino a Sapa, che faceva l’insegnante in un villaggetto H’mong e che poi ha deciso che voleva conoscere altre culture e incontrare i turisti e girare il Vietnam.
Ve ne parlerò perché noi ci siamo tutti innamorati di lui.

Del treno notturno ve ne parlerò nello specifico nel prossimo post sulle informazioni pratiche.
Vi dico solo che noi avevamo la categoria Deluxe, ma preparatevi a non chiudere occhio. Non aspettatevi un Orient Express, no no no.

Bái Đính Temple

Bái Đính Temple

Le 500 statue di Arhat

Le 500 statue di Arhat

Tràng An

Tràng An

Le grotte

Le grotte

Il treno notturno, ma vi giuro che in foto viene meglio

Il treno notturno, ma vi giuro che in foto viene meglio

10° giorno: Lao Cai, Sapa (8) > notte a Sapa

La mattina alle 6 siamo arrivati in stazione a Lao Cai (con due ore di ritardo) e abbiamo incontrato Minh che ci stava aspettando.
Per arrivare a Sapa ci vuole un’oretta di macchina.

Qui abbiamo lasciato le nostre cose al Bamboo Hotel: compreso nel pacchetto dell’agenzia, un hotel pazzesco, ben sopra i nostri standard, ma veramente bellissimo, con il terrazzo sui monti e sulle risaie. 15/20€ a testa a notte con colazione compresa.

Sulle 9 siamo partiti per il primo trekking tra i villaggi di Y Ling Ho e Cat Cat dove vivono gli H’mong. Senza dubbio una delle esperienze più belle della mia vita.

Siamo rientrati a Sapa nel primo pomeriggio e siamo andati a fare un giro al mercato dell’artigianato (bellissimo!) e al mercato del cibo (rane, vermi, pesci vivi e via dicendo).

La sera passeggiata, cena e poi qualche birra in uno dei vari locali che offrono l’happy hour in giro per il paese.

Le risaie di Sapa

Le risaie di Sapa

I bimbi e le mamme H'mong

I bimbi e le mamme H’mong

Il mercatino dell'artigianato

Il mercatino dell’artigianato

Dove ogni minoranza etnica porta i propri prodotti

Dove ogni minoranza etnica porta i propri prodotti

E il mercato del cibo...

E il mercato del cibo…

...anche per i gusti più strani!

…anche per i gusti più strani!

11° giorno: Sapa (8), Lao Cai > notte sul treno notturno per rientrare a Hanoi

Seconda giornata di trekking, questa volta meno natura e più villaggi.
Siamo stati ai villaggi di Lao Chài e Ta Van.
Abbiamo conosciuto Chin e Duan, i proprietari di una homestay.
Abbiamo visto come le donne tessono la canapa e fatto amicizia con un bimbo minuscolo.
Abbiamo imparato a battere il riso e avuto un incontro ravvicinato con un water buffalo.

A metà pomeriggio siamo ripartiti da Sapa per andare a Lao Cai a riprendere il treno notturno alle 18 per tornare ad Hanoi.

Al villaggio H'mong

Al villaggio H’mong

Il tè alla homestay

Il tè alla homestay

Al lavoro nelle risaie

Al lavoro nelle risaie

Il gigante e il bambino

Il gigante e il bambino

12° giorno: Hanoi (5) > notte a Hanoi

Giornata intera a Hanoi (dopo la nottata insonne sul treno da Sapa!).
Siamo stati al Tempio della Letteratura dove abbiamo preso il primo acquazzone vero e proprio della vacanza che ci ha fatto perdere tutta la mattine e non ci ha permesso di entrare in tempo al Mausoleo di Ho Chin Minh (aperto solo la mattina).

Siamo quindi andati a vederlo solo da fuori e abbiamo proseguito verso la casa di Ho Chi Minh e la Pagoda a una sola colonna (rifatta perché distrutta dai francesi, sul bruttino devo dire la verità).

Ultima passeggiata in città nel Quartiere Francese e poi nanna.

Tempio della Letteratura

Tempio della Letteratura

Mausoleo di Ho Chi Minh

Mausoleo di Ho Chi Minh

La bandiera del Vietnam che é ovunque

La bandiera del Vietnam che é ovunque

La residenza di Ho Chi Minh

La residenza di Ho Chi Minh

13° giorno: Hanoi (5), Ho Chi Minh City (1) > notte a HCMC

La mattina alle 9:30 volo da Hanoi con Vietnam Airlines, arrivo a Ho Chi Minh City alle 11:30.

Siamo arrivati all’Hong Kong Kaiteki Hotel e siamo rimasti a bocca aperta: la camera era un cubo costruito attorno al letto senza lo spazio per vivere. L’hotel offre anche la possibilità di dormire nelle capsule, ma quella che avevamo scelto era una camera matrimoniale, poca differenza. Sopportabile al massimo per una notte ma non ve la consiglio. 8€ a testa a notte senza colazione.

Prima tappa della giornata Bến Thành Market. Mercato enorme, quasi soffocante, un gigantesco capannone con tutte le banchette appiccicate e le persone molto insistenti. Fateci un giro e poi scappate.

Poi itinerario a piedi consigliato dalla Lonely Planet per vedere la Cattedrale di Notre Dame, l’Ufficio Postale, il Palazzo della Riunificazione e il Lago delle Tartarughe (e uno splendido negozietto di cupcakes!).

Ho Chi Minh City coi suoi grattacieli

Ho Chi Minh City coi suoi grattacieli

Bến Thành Market

Bến Thành Market

Cattedrale di Notre Dame

Cattedrale di Notre Dame

L'Ufficio Postale di HCMC

L’Ufficio Postale di HCMC

Il localino dei cupcakes

Il localino dei cupcakes

14° giorno: Ho Chi Minh City (1), volo di rientro di sera

Io qui avevo pianificato di andare ai tunnel di Cu Chi, quelli che utilizzavano i vietcong per proteggersi durante la guerra, ma alla fine ci ho ripensato. Ho letto che per pochi dollari all’uscita dei tunnel ti fanno provare a sparare e che hanno allargato i tunnel per i turisti. Mi faceva venire troppa tristezza e ho rinunciato.

Abbiamo fatto una passeggiata attraverso tutto il centro di Ho Chi Minh City per arrivare alla Pagoda dell’Imperatore di Giada che mi è piaciuta moltissimo.

Da lì siamo tornati al Palazzo della Riunificazione e abbiamo proseguito verso il Museo dei Residuati Bellici.
Questo museo è pesantissimo, sono tre piani di pugnalate nel cuore, ma vale la pena tantissimo, dovrebbe essere obbligatorio per ogni europeo che mette piede in Vietnam.
Io alcune foto non ho avuto la forza di guardarle e mi vergogno un po’.

La Pagoda dell'Imperatore di Giada

La Pagoda dell’Imperatore di Giada

Il Palazzo della Riunificazione, simbolo della fine della guerra

Il Palazzo della Riunificazione, simbolo della fine della guerra

Il Museo dei residuati bellici

Il Museo dei residuati bellici

Il Vietnam è la nostra coscienza

Il Vietnam è la nostra coscienza

Fine di un viaggio meraviglioso.
Da lì abbiamo preso taxi, aerei, treni e tutti i mezzi possibili e siamo ritornati a casa.
Appena tornata ho scritto questo, sul rientro a casa: Quant’è bello tornare a casa?
E poi dopo qualche giorno questo, sul Vietnam: Diario-brainstorming di un viaggio in Vietnam

Ora continuo a mettere in ordine le idee e i ricordi (e i video!).
Ho tante di quelle cose in testa che potrei scriverci libri interi.
Grazie a tutti voi che tornate qui ogni volta a leggermi.

Diario di viaggio in Vietnam

Vi ricordo che se avete bisogno di una mano a organizzare il vostro viaggio, per prenotare le escursioni o ottenere la lettera per il visto potete scrivere a Anh di ALO Travel Asia dicendo che vi mando io (ci conosciamo bene!): ann@alobooking.net.

64 thoughts on “Il mio itinerario di due settimane in Vietnam

  1. Ciao!
    Grandissima come al solito! E’ sempre un piacere seguire i tuoi reportage e una punta di invidia spunta sempre 🙂
    Vorrei chiederti una cosa: la partenza del volo da Zurigo è stata dettata da esigenze personali oppure economiche?
    Grazie e continua così!

    • Economiche!
      Dall’Italia costava sui 900€ e si partiva da Bergamo, da Zurigo 600€.
      Visto che per noi sarebbe stato scomodo uguale abbiamo scelto la soluzione economica 🙂

  2. Ti ho scoperto da poco ma torno sovente, questo blog è proprio un bel posticino. Gli ultimi post mi hanno fatto venire voglia di uscire dall’ombra e dirti grazie, grazie e grazie, per questo e tutti gli altri racconti che arrivano al cuore e solleticano la valigia. Uno dei prossimi viaggi sarà il Vietnam, covava sotto le ceneri da un po’ e tu ci hai appena soffiato sopra! 😀

    Ho visto che progetti il Giappone, se posso esserti d’aiuto mi faccio avanti volentieri, a Marzo ho fatto un giro simile a quello che vorresti fare tu.

    • Ma grazie, che bel commento! Uscite dall’ombra che è bellissimo conoscervi 🙂
      Il Vietnam te lo straconsiglio, un viaggio magico.
      Per il Giappone chissà, per ora è una delle ipotesi per il viaggio di dicembre, ma ancora siamo in alto mare! Se andremo lo terrò presente però, grazie mille!

    • Eh si potrebbe fare. Però mi sembra che per i lettori così sia più semplice: pochi passaggi, tutto in una pagina, e per chi vuole stamparlo basta spingere “stampa” 🙂
      Secondo te sarebbe più leggibile e comodo un pdf?

  3. Domanda ignorante, perdonami… Ma il costo che hai indicato è a persona o è proprio il totalone? No, perché se no il prossimo anno vado in Vietnam anch’io 😉

    • Macché ignorante, hai fatto benissimo a dirlo, non l’avevo specificato io! 1700€ sono a testa purtroppo, però comprendono proprio tutto tutto eh: perfino i treni dalla Romagna a Zurigo, perfino lo shopping in Vietnam.

  4. Quello che dici sul museo dei residuati bellici di HCMC è tristemente vero, mentre visitavo la sala dalle pareti arancioni (quella “dedicata”, diciamo così, al napalm e ai suoi effetti) avevo i brividi.
    E

  5. Complimenti per questo post, davvero oro per chi, come me, sta pensando ad un viaggio in Vietnam. Amo i post scritti con il cuore ma, diciamocelo, quando si pianifica un viaggio sono i post come questi che si va cercando in rete! Utilissimo! Mi sa che molto presto ti disturberò in privato!

  6. ciao, innanzitutto complimenti per il tuo blog e per l’articolo, mi ha veramente incantato! sto progettando di andare questo agosto con il mio fidanzato in vietnam e vorrei proprio fare il giro che avete fatto voi! Posso chiederti solo qualche consiglio? tipo..: credi sia indispensabile affidarci ad un’agenzia locale come avete fatto voi? vi prenotava sia escursioni che hotel e mezzi di trasporto? anche noi lo stiamo organizzando da soli…. Per il meteo: in tanti ci sconsigliano agosto per l’eccessiva pioggia…ma non mi sembra che sia stato un problema per voi…?Grazie mille, ciao elisabetta

    • Per quanto riguarda l’agenzia per alcune cose te la consiglio (tipo il treno per Sapa e alcuni spostamenti) per altre è indifferente.
      Per il tempo noi non abbiamo avuto problemi, però dipende dall’anno!

  7. Ciao, davvero un gran bel post, grazie per aver condiviso la tua esperienza!
    Dovessi indicarmi una delle escursioni che hai fatto in cui investiresti un giorno in più, avendolo a disposizione, cosa mi consiglieresti? Oppure te lo giocheresti in una delle città come jolly per relax e approfondimento visite?
    Grazie in anticipo per la tua cortese risposta. Ciao, Nicola

  8. ciao scusa posso chiederti quanto ti è costata l’escursione su delta del MEKONG? Stiamo copiando il tuo viaggio, bellissimo! Molto istruttivo il tuo blog!!! 🙂
    l’idea era di vedere HCMC un po’ la mattina e poi fare transfer privato verso le tre del pomeriggio. Dormire e prenotare escursione per la mattina dopo presto come hai fatto tu.

  9. Ciao,ho cominciato a leggere il Diario,ma penso che lo stamperò per averlo sempre a portata di mano!Sto organizzando il viaggio in Vietnam per fine Gennaio 2016 per 2/3 settimane.Siamo in 2 giovani di mezza età…mi piacerebbe fare il tuo giro , ma forse è meglio ridurre le tappe e godersi qualche giorno al mare.Preferisco vedere meno e bene , con la possibilità di tornare una seconda volta!!! Pensi che Nha Trang sia una località adeguata ad un soggiorno post tours? Grazie

    • Ciao Fabiana, mi hanno detto cose molto belle di Nha Trang ma non ci sono stata. Secondo me vale la pena 🙂 Del giro che ho fatto io ti dico la verità che non saprei veramente cosa tagliare. Forse Ninh Binh, ma poi comunque guadagneresti un giorno. Non lo so davvero 🙂

  10. sai una cosa..? ti leggo da un po’ e…mi piace tanto il tuo sito-blog-spazio…chiamalo come vuoi..
    sarà che sembra di leggere post che avrei scritto io, che visiti posti che ho visto o che (soprattutto) vorrei vedere..che mi anticipi le avventure e le vivi alla grande come vorrei fare io.
    Sarà che mi sembra di aver capito ci sia un’anima scout dietro questi racconti…insomma, complimenti davvero!
    Questo lunghissimo articolo sul vietnam me lo devo conservare per quando finalmente cliccherò su “compra” al viaggio di andata e ritorno che mi vorrei regalare..stavolta da sola..all’alba dei 31 anni! Ci sentiremo presto (anche per qualche dritta sui Balcani, già che ci siamo)! Intanto in bocca al lupo per questo tuo bellissimo progetto

    • Grazie Anna, che bel commento, grazie davvero.
      L’anima scout dietro i racconti c’è ed è viva e pulsante! 🙂
      Quando hai bisogno sono qui!

  11. Ciao!
    Prima di tutto, complementi per il tuo Diario! Davvero fantastico, soprattutto per chi deve organizzare a breve un viaggio in Vietnam e non solo…
    Ti volevo fare una domanda, hai deciso di partire da Sud per una ragione (ad esempio economica) o solo per comodità?
    Io stavo pensando di fare il tour contrario da Nord a Sud…
    Ciao e complimenti ancora.

  12. Ciao, ma che bello questo post!
    Esattamente quello che stavo cercando per capire che giro fare in Vietnam!
    Sarà la mia luna di miele a novembre, e visiteremo sia Vietnam che Cambogia.
    Tu sei stata anche li? Se posso avrei un paio di domande da farti… al posto del
    treno notturno verso Lao Cai cosa si può prendere? Mi è parso di capire che
    non è un mezzo che consiglieresti molto… 🙂 Stessa cosa per il trasferimento
    da Hanoi alla baia di Halong.. invece del pulmino del demonio ci sono alternative?
    Ultima domanda: se dalla Cambogia arrivassi direttamente sul delta del
    mi perderei molto a non visitare Ho Chi Minh? E’ la città che mi ispira meno tra tutte
    …e non abbiamo 2 settimane per fare tutto il tuo giro..
    grazie mille per tutte le info che hai scritto!
    Davvero preziosissime!! 🙂

    • Ciao Serena! Non sono stata in Cambogia ancora purtroppo, devo rimediare 🙂
      Non consiglio il treno notturno, ma è l’unico mezzo sensato per andarci: si può anche andare in auto ma perdi una giornata all’andata e una al ritorno, col treno ci vai di notte.
      Brutto, ma si fa.
      Alla Baia di Halong ci si può andare con un transfer privato o con dei bus, noi avevamo il trasporto incluso, ma direi che la cosa migliore e più conveniente e proprio quella di prendere il trasporto da/per Hanoi insieme al tour.
      Ho Chi Minh è un pezzo importante di Vietnam, ma a me non ha detto granché. D’istinto ti consiglierei di fare solo Vietnam e di lasciare la Cambogia al futuro per altre due settimane piene, però capisco che il tempo sia tiranno, quindi taglia e non ti preoccupare che al massimo torni 🙂

  13. Ciao, io e il mio fidanzato tra una decina di giorni partiremo per il Vietnam. Il tuo diario di viaggio è stato per noi utilissimo, seguendo il tuo consiglio ci siamo affidati ad Anh che è stata adorabile e ha creato per noi una schedule ad hoc curando i minimi dettagli. Vorrei chiederti, se non sono indiscreta, come vi siete accordati per il pagamento dei tours con l’agenzia, noi stiamo valutando le varie opzioni. Ad ogni modo, complimenti davvero per il blog, pure io sono un’appassionata viaggiatrice e adoro organizzare nei minimi dettagli e il tuo blog è veramente super!

  14. Ciao
    Posso chiederti
    Quanti giorni sul delta del Metkong consigli
    E per gli spostamenti da Hue a Hoi An come ti sei organizzata?
    Ho visto che gli hotel preferiscono il pagamento in contanti, io non volevo portarmi via un eccessivo contante come mi consigli?
    Grazie carla

    • Per il delta secondo me un paio di giorni sono sufficienti. Il trasferimento da Hoi An a Huè l’ho fatto con un transfer privato che avevo prenotato attraverso Anh dell’agenzia (alotravelasia.com • ann@alobooking.net).
      Purtroppo anch’io ho pagato molto in contanti, spesso ritiravo là direttamente però!

  15. Ciao
    innanzitutto complimenti per il blog, veramente bello e utile.
    Ho contattato Ahn (confermo, è gentilissima) , la quale mi ha detto che avendo a disposizione solo 5 gg da trascorrere ad Hanoi (arrivo il 03 e riparto l’8 febbraio) dovrò saltare una fra Sapa e Ninh Binh. Avendole tu viste tutte e 2, qual è il posto da non dover saltare assolutamente?
    Grazie mille e Buon Anno!

  16. Ciao! intanto ti devo confidare che ti seguo da un po’ ma non ho mai il coraggio di commentare. Sei una delle mie blogger di viaggi preferite perché si capisce che davvero la tua è una passione tramutata in lavoro e, a differenza di molti altri, non ti limiti solo a dire che sei stata in un posto ma fornisci informazioni molto preziose.
    Seguendo te anche io, nel mio minuscolo orticello, sto portando avanti questa passione. Scrivo da sempre e ho un blog da diverso tempo ma solo dall’anno scorso l’ho fatto diventare qualcosa che si possa definire travel.

    Ti scrivo perché un anno fa lessi questo tuo post e mi è venuta voglia di vietnam. Adoro l’oriente e non posso viaggiare sempre, sono legata alle ferie di agosto del mio ragazzo e quindi l’oriente, causa monsoni, l’ho sempre un po’ scartato.
    Ho da poco acquistato la guida sul Vietnam dove dice che agosto è alta stagione e fa molto caldo. Dato che non è la prima volta che la Lonely Planet mi da informazioni inesatte volevo chiedere a te. Nel tuo post pare proprio il contrario…. inoltre volevo capire con il discorso lingua .
    Grazie

  17. ciao!! ho iniziato a seguirti cercando in internet un po’ di spunti per un viaggio estivo in vietnam e sono incappata nel tuo fantastico blog!
    vedendo i voli per agosto, che ora si sono già alzati, effettivamente l’ipotesi del volo da zurigo (proprio con ethiad e scali in andata a Belgrado e Abu Dhabi) rimane la più conveniente ed accettabile in termini di costi. Mi ha un po’ spaventato tuttavia leggere delle peripezie che avete avuto con i cambi volo – scali. Ho visto che i due scali sono di 50 minuti il primo e un’ora e qcs il secondo. avete avuto problemi perché il tempo di scalo era troppo poco?
    in ogni caso vi hanno messo sul volo immediatamente successivo senza pagare altro?
    scusa le mille domande, ma volevo capire se mi conviene prendere quel volo o meno 😉
    grazie mille!!!

    • Sì noi abbiamo avuto problemi per gli scali troppo corti e abbiamo perso un volo! PErò sì, ci hanno messo su quello successivo (8 ore dopo) con altro scalo in Qatar! Scomodo un bel po’, dipende quanto risparmi secondo me, i vostri scali sono davvero troppo corti.

      • ho letto solo ora la tua risposta! abbiamo prenotato alla fine proprio quel volo perché era il più conveniente! sono un po’ spaventata dagli scali brevi.. speriamo in bene!!!! :/ con le valige come avevate fatto?
        grazie mille per la tua disponibilità!

        • Le valigie non sono un problema, vengono gestite dalla compagnia (avete preso i due biglietti insieme vero?) e ve le spediscono direttamente all’arrivo. Siete voi che dovete correre 😉

  18. Ciao, intanto complimenti per il tuo blog, davvero ben organizzato!! vorrei gentilmente chiederti quanto vi è costato a testa i due giorni e 1 notte sulla Halong bay e quanto invece tutta l’escursione per Sapa. Su queste due cose ancora sono molto indecisa, non so a chi appoggiarmi, dato che partirò da sola vorrei avere già le idee abbastanza chiare. un ultima domanda, se posso. Voi gli alberghi li cercavate li stesso? perchè ho provato a guardare su internet alcuni di quelli che hai consigliato ma i prezzi sono il triplo se non di più di rispetto a quanto hai pagato tu, forse online costa di più..cosa consigli, prenotare gli alberghi già da casa o no?
    Ti ringrazio anticipatamente e ancora mille complimenti per i bei viaggi e per l’accuratezza con cui riporti le tue bellissime esperienze di vita.
    Livia

  19. Ciao! Innanzi tutto complimenti per il blog, che ho scoperto per caso cercando spunti per organizzare il mio viaggio in Vietnam, e che mi è stato utilissimo!! Vorrei chiederti un consiglio…mi restano da prenotare 4 notti a Hoi An: secondo la tua esperienza, in quale posizione mi conviene cercare un alloggio? Avevo pensato a Cam NAm per stare in una zona tranquilla e meno turistica, ma poi ho letto che la tua esperienza sull’isola di Cam Nam non la consiglieresti per la lontananza dal centro e dal mare.
    Forse meglio una soluzione a metà strada tra centro di Hoi an e spiagge? Oppure 2/3 notti vicino al centro di Hoi An e 1/2 notti vicino al mare? Col senno di poi , come ti saresti organizzata?
    Grazie!

    • Ciao Linda! Non so se sono ancora in tempo per risponderti, spero di sì 🙂
      In generale ti consiglio di prendere un hotel/guest house che metta a disposizione delle bici, così ti puoi spostare bene.
      Detto questo secondo me è più bella la parte “cittadina” per dormire. Buon viaggio!

  20. Ciao! io e Bea abbiamo organizato tutto il nostro viaggio in Vietnam seguendo I tuoi preziosi consigli! grazie mille, non vediamo l’ora di partire!

    una domanda: come hai prenotato l’escursione a Cham Island? l’hai prenotata da là oppure dell’italia? cosa ci consigli? grazie mille!

    • Che bello!! Grandissime! Sì Eleonora, Cham Island l’abbiamo prenotata dall’Italia con Anh, su suo ottimo consiglio. Vedrai che se la contatti ti dà una mano.

      • Perfetto allora le chiedo aiuto anche per questo.. siamo già in super contatto con lei!

        Grazie mille veramente!

  21. Ciao,io e il mio ragazzo pensavamo di andare in Vietnam a Fine Novembre,posso chiederti all incirca quanto ti è costato l intero viaggio?abbiamo un budget e volevo capire se ci bastava per farlo tutto da nord a Sud!grazie mille

Rispondi