Itinerario di 3 giorni a Londra per chi c’è già stato e cerca una Londra insolita e alternativa

Se siete già stati a Londra (in gita o con i vostri genitori da piccoli) e volete tornarci per scoprire gli angolini più nascosti e insoliti di questa città siete capitati nel posto giusto.

Questo post vi descrive un itinerario di tre giorni a Londra diverso dal solito, fuori dagli itinerari classici, un po’ particolare, per gustare Londra più da dentro.

Questo itinerario è pensato per chi è già stato a Londra almeno una volta e ha già fatto il tour classico che potete trovare qui: Itinerario di 3 giorni a Londra per chi non c’è mai stato.
Se vi mancano alcuni pezzettini di quel giro vi consiglio di dare la precedenza a quelle tappe perché secondo me sono un must.
Se siete nuovi di Londra, ma comunque allergici ai musei o ai tè delle cinque allora potete fare metà e metà tra i due itinerari consigliati.

Partiamo con questo itinerario un po’ alternativo di Londra, mischiamoci ai local per qualche giorno.

Itinerario di 3 giorni a Londra per chi c’è già stato e cerca una Londra insolita e alternativa

Primo giorno: Little Venice, parchi e colline

Mattina:

  • Little Venice
  • Regent’s Park
  • Queen Mary’s Gardens
  • Primerose Hill
  • Camden (solo per pranzo – questo dovete averlo già visto, è un super must, vedi qui – terzo giorno!)

Pomeriggio:

  • Hampstead
  • Hampstead Heath
  • Parliament Hill
  • Ritorno in bus al secondo piano

Inizio della giornata a Little Venice, fermata della metro Warwick Avenue sulla Bakerloo Line (marrone).
Little Venice si trova all’incrocio tra il Regent’s Canal e il Gran Union Canal: è una Londra calma, affacciata sui canali, con casine galleggianti e fronde che ombreggiano le rive. Con la luce della mattina è splendida.
Da qui si continua la passeggiata lungo il Regent’s Canal verso il Regent’s Park.

Regent’s Park è un parco elegante e pettinato (a differenza di Hampstead Heath, ma lo vedremo dopo).
I giardini di questo parco sono curati nel minimo dettaglio. Siepi, fontane, anfore, fiori di ogni colore e varietà. I Queen Mary’s Gardens, all’interno del parco, sono l’apoteosi del giardinaggio, un’oasi di quiete e bellezza.

Attraversate tutto il parco verso nord e andate su, su, su fino alla cima di Primerose Hill, la collina che domina Regent’s Park e tutta Londra.
Per salire dovrete scavalcare londinesi bianco latte che tentano di bruciarsi col sole tiepido di Londra, coppiette in amore che si rotolano e banchieri tirati a lucido che fanno uno spuntino sul prato durante la loro ora d’aria.
Da lassù si vede tutta la città.

Scendete alla vostra sinistra (guardando verso il centro di Londra) e passate da Camden per pranzo, possibilmente nel cortile interno del Camden Market che è pieno di banchetti di cibi etnici, una goduria!

Da Camden spostatevi verso nord, verso Hampstead: potete andare a piedi (sono circa tre quarti d’ora, perché è anche un po’ in salita), oppure prendere il bus: il 168 oppure il 24, entrambi in direzione Hampstead Heath, che è anche il capolinea. 

Hampstead è un quartiere residenziale a nord della città. Sembra un paesino del countryside inglese con villette e strade alberate, invece è un pezzettino di Londra.

Da Hampstead proseguendo ancora verso nord si arriva a Hampstead Heath: un parco immenso e selvaggio, diversissimo dai classici parchi merlettati di Londra. Un parco in cui si respira la natura.
Qui c’è un’altra collina che non potete perdervi: Parliament Hill, con una vista pazzesca su tutta Londra (magari al tramonto?).

Per rientrare verso il centro prendete il bus e andate al piano superiore: godetevi tutta la città da qui, con calma, magari nei posti davanti.

Casine a Little Venice Little venice Londra da Primrose Hill Hampstead2 Passeggiando verso Hampstead Heath double-decker bus, londra

Secondo giorno: South Bank, London Eye e Greenwich

Mattina:

  • Passeggiata lungo il South Bank
  • Gabriel’s Warf
  • London Eye

Pomeriggio:

  • Greenwich
  • Greenwich Market
  • Cutty Sark e riverfront
  • Parco di Greenwich e Osservatorio reale

Si parte dalla fermata della metro London Bridge .
Iniziate la giornata con un’ottima passeggiatina lungo la riva sud del Tamigi fino al London Eye.

Dura circa un’oretta/un’oretta e mezzo e vi consiglio di fare una piccola sosta a metà strada. Alla vostra sinistra ad un certo punto si aprirà il Gabriel’s Warf, una piccola piazzetta con café, negozietti vintage e gallerie d’arte.

Alla fine della passeggiata si raggiunge il London Eye, la ruota panoramica di Londra. Lo so che è un po’ una roba da turisti, ma secondo me ci sta. Non l’ho messa tra le cose fondamentali da fare a Londra, ma qui, tra le cose da fare quando si torna a Londra, secondo me ci sta.
Si vede tutta la città dall’alto e tutto il Tamigi che riflette il cielo, è una vista stupenda.
Vi consiglio il biglietto online perché la fila è sempre lunga.

Saranno ormai le 12?
Trattenete la fame, si va a mangiare nel mercatino di Greenwich!

Vi ho già parlato di  Greenwich in questo post: Greenwich: un’escursione in giornata da Londra

Riprendo qui solo le informazioni essenziali:

È un paesino sul Tamigi, un paio di anse più a est di Londra.
È immerso nel verde, ma sul fiume.
Si trova a sud-est della città, a circa mezz’oretta di bus.
Si raggiunge bene anche con la DLR (fermata Cutty Sark).
Per arrivarci si può prendere anche il London River.

Da vedere in particolare a Greenwich ci sono:

  • Il Greenwich Market: prima tappa! Cianfrusaglierie varie (una goduria) e la zona cibo etnico (gustosissimo) in cui pranzare.
  • La Cutty Sark e il riverfront: un galeone-museo gigante e il Tamigi.
  • Il parco e l’Osservatorio reale: altra collina fighissima e l’Osservatorio con il meridiano zero.

Londra dal South Bank Gabriel's Warf London Eye londra dal london eye, come peter pan Greenwich Market cutty sark greenwich greenwich park

Terzo giorno: mercatini londinesi e Richmond

Mattina:

  • Columbia Road Flowers Market (solo la domenica)
  • Oppure Brixton Market (venerdì e sabato)
  • Oppure Broadway Market (sabato)
  • Partenza per Richmond

Pomeriggio:

  • Richmond
  • Petersham Nurseries

Questa giornata fate in modo che cada di venerdì, sabato o domenica.

La mattina godetevi un bel mercatino. I mercati più belli di Londra sono Camden, Spitalfields, Portobello e Borough (tutti e tre già citati nel primo itinerario). Se non li avete mai visti sceglietene uno e buttatevi nella mischia.

Se invece siete già dei veterani vi consiglio di sceglierne uno di questi tre:

Dopo avere lasciato occhi e portafogli in uno di questi splendidi mercatini dedicate il resto della giornata a Richmond, quartiere rilassato di Londra verso le campagne, immerso nel verde (c’è anche un parco coi cervi!).

Prendete la metro verde (controllate bene che sia quella con capolinea Richmond) e godetevi il viaggio (ci vorrà un po’, Richmond è in zona 4, attenti ad avere il biglietto giusto).

Una volta a Richmond potrete curiosare tra le vie del paesino o rilassarvi lungo le rive del Tamigi all’ombra dei giganteschi alberi del famoso parco.
Passate qui tutto il pomeriggio, passeggiate, rilassatevi, fate anche un giro in barca se vi va di investire qualche sterlina nell’esperienza. Se avete voglia di un posticino raffinato e coccoloso rifugiatevi alle Petersham Nurseries.
E se avete un po’ di tempo tornate indietro con l’autobus. Ci metterà un po’, ma dal secondo piano del double-decker scoprirete quartieri di Londra incredibili e davvero sconosciuti.

E sarà valso il viaggio.

Richmond Mercatini a Londra Il Tamigi arriva fino a Richmond

19 thoughts on “Itinerario di 3 giorni a Londra per chi c’è già stato e cerca una Londra insolita e alternativa

    • Che sono due posticini così bellini! Io cerco consigli per qualcosa di super alternativo londinese da aggiungere al mio programma di novembre, stupiscimi 🙂

      • Però in compenso ho visto Hampton Court con relativo parco, bellissimo…. e il Tamigi arriva pure lì 😀

        Di alternativo non saprei, mi hanno parlato bene delle Highgate Cemetery, che pero’ non l’ho visto di persona (una lunga storia…), visto che vai a Novembre e’ proprio il periodo giusto!!!

  1. Vivevo vicino a Little Venice, con una passeggiata di venti minuti la potevo raggiungere in ogni momento. Ancora mi viene difficile capire come sia possibile che una città ti possa così entrare nel cuore, possa essere così speciale da farti sentire la sua mancanza sempre di più..

    • Come un’amica, no? E quando ci torni e la vedi senti proprio la stretta di un abbraccio che quasi ti vengono le lacrime dalla tenerezza e da quanto ti è mancata. Per me è così anche se mi sento stracretina a dirlo. Stiamo comunque parlando di una città. CITTÀ.
      🙂
      Se hai anche tu consigli per qualche angolino di Londra che mi manca sono molto ben accetti, sto facendo in questi giorni la lista delle cose che non mi possono scappare quando ci torno a novembre.

      • No, non sei stracretina e la penso esattamente come te! Sono stata a Londra cosi` tante volte che ho smesso di contarle e ogni volta che ci vado scopro qualcosa di nuovo! La citta` dove tutto nasce e niente muore…e` cosi` vero!! Hai consigliato degli itinerari alternativi molto belli… Anche Islington non e` male e la Osterley House vale sicuramente una visita…l’hanno utilizzata per girare molti film “L’erba del vicino e` sempre piu` verde” con Cary Grant ad esempio! Continuate ad andare a Londra…e` veramente un’amica che non delude mai!

  2. Ci torno il mese prossimo e cercavo qualche posticino alternativo. Sicuramente farò un giro a Little Venice e Regent’s Park! un posto che ti consiglio assolutamente è lo Sky Garden. Un luogo bellissimo dove godersi il panorama di Londra dall’alto. Una vista migliore di quella che si vede dal London Eye, e poi…. gratuita!

  3. Consiglio assolutamente Chiswick House and Gardens, si raggiunge facilmente con la metro e facendo due passi, è un posto incantevole

Rispondi