Greenwich: un’escursione in giornata da Londra

Durante il mio ultimo weekend a Londra, per cambiare un po’, un’amica mi ha portato a Greenwich.
(Sì, quella del meridiano.)

È un paesino sul Tamigi, un paio di anse più a est di Londra.
È immerso nel verde, ma sul fiume.
Con i quartieri residenziali e le casine curate come nei paesini, ma vicinissimo a Londra.

Si trova a sud-est della città, a circa mezz’oretta di bus.
Si raggiunge bene anche con la DLR (fermata Cutty Sark).
Per arrivarci si può prendere anche il London River, che è un trasporto pubblico però sull’acqua. Io non l’ho mai provato ma dev’essere carino arrivare a Greenwich in barca.
Insomma è poco più lontano di un quartiere di Londra, si fa bene anche in mezza giornata volendo, io per esempio ci sono stata solo un pomeriggio.

Dal centro di Londra ci sono circa 11 chilometri, da Piccadilly Circus la distanza è questa, per farvi un’idea:

distanza londra greenwich

Le cose più interessanti sono tre:

Il Greenwich Market
La meraviglia di questo posto. Avrei voluto passarci giornate intere a spulciare ogni bancarella e ogni negozietto. Un luogo di perdizione.
E come ogni mercatino inglese che si rispetti ha anche la zona “cibo da tutto il mondo”: io ho mangiato un churro brasiliano con il dulce de leche dentro che me lo sogno la notte.
Vi lascio un po’ di foto che parlano per me.

negozietto opere d'arte con la carta, greenwich market

greenwich market londra

greenwich market londra2

La Cutty Sark e il riverfront.
A un certo punto, dopo tante casine inglesi una dopo l’altra, ti trovi davanti un galeone immenso. Sulla terraferma, tipo vicino a un parco, a parecchie decine di metri dal Tamigi. Buono dai.
È molto particolare da vedere e da visitare. Direi soprattutto per gli amanti del genere. Io starei ore a fissare il Tamigi quindi capite che non faccio testo.

cutty sark greenwich

Il parco e l’Osservatorio reale.
Il parco si estende su una collina verdissima, sulla cui cima si trova l’Osservatorio reale.
Io non sono entrata, perché da fuori si vedeva questa massa informe di turisti intenti a fotografare il meridiano. Capite? Una foto a una riga disegnata per terra che dovrebbe rappresentare il meridiano zero. Che non esiste, però.
La cosa più bella di questo posto è il fatto che sia su una collina da cui si vede tutta
Londra.
Poi il fatto di essere sul meridiano zero e davanti all’orologio che segna il GMT è figo, di per sé. Giusto non capisco tanto la calca (e il biglietto) per fotografare una convezione.

greenwich park

P.s.: dite la verità che fino qui avete letto “Grìnuich”, eh? Se dici Grìnuich gli inglesi non capiscono, ti guardano come se tu stessi parlando in un’altra lingua. Perché loro Greenwich lo pronunciano “Grènich” senza i e senza u. Io sono così abituata a dirlo e a sentirlo con la pronuncia italiana che sull’autobus non avevo capito la donnina che annunciava la nostra fermata.
Quindi mi raccomando: la pronuncia di Greenwich è “Grènich”.
(Adesso cercate di infilarlo in qualche discorso per fare i fighi, tipo: “Sai che ore sono? Nell’orario di Grènich, eh!”)

 

23 thoughts on “Greenwich: un’escursione in giornata da Londra

    • Amministrativamente sì, ma nella realtà è un vero e proprio borgo, con una sua identità differente da quella londinese. L’ho chiamato “paesino” per non addentrarmi nel discorso dei distretti amministrativi, ma grazie per aver specificato 🙂

  1. Wow, pensavo che Greenwich fosse moolto più lontano da Londra, buono a sapersi *____* ma davvero si pronuncia con la E e non con la I come “green”? O_O Mi smonti un mito.

    ps. cos’è il churro brasiliano col dulce de leche?

    • Con la E, e se lo dici con la I non lo capiscono, ci sono rimasta troppo male.
      Il churro è quello che si vede nella foto sulla destra: tipo un tubo di pastella fritta (tipo bombolone tubolare) con dentro il dulce de leche (che è una crema tipo mou). Il paradiso.

  2. grènich è un modo bellissimo di rendere idea dei bachi della pronuncia londinese. a me hanno sempre detto che sentire parlare un londinese è come sentire parlare un italiano in siciliano stretto. non stento a crederlo!

      • La cosa bella è che, fino ad un annetto fa, credevo che “Grenich” fosse la pronuncia in american english, come in “Greenwich village”, e “Griniuich” la pronuncia in british english. Questo fin quando non ho parlato di Greenwich con un londinese…

  3. Ecco, questa gitarella a “Grènich” (XD) la replicherei volentieri.
    Confesso che ignoravo l’esistenza del mercatino: un peccato quasi imperdonabile!!

  4. Ciao, più o meno visitare Grènich quanto tempo richiede??
    Sto organizzando un viaggio a Londra (ho letto l’articolo dell’itinerario in 3 giorni e mi è piaciuto, anche se l’ho modificato un pò perchè ci sono un paio di musei che voglio vedere ^^) e stavo pensando che l’ultimo giorno, avendo l’aereo alle 17 ci potevo passare la mattina che ne pensi?

  5. Ciao…ma ci vuole un biglietto a sè? o va bene anche quello che si usa per le zone 1-2-3? grazie

  6. Ciao, pensavo di andare a Greenwich per visitare il Museo Marittimo e dato che son lì anche l’osservatorio però non capisco: sul sito, guardando i prezzi ho trovato Royal Observatory – Astronomy Centr GRATUITO mentre Royal Observatory – Flamsteed House and Meridian Courtyard a pagamento…sai dirmi cosa vedo con l’entrata gratuita?

    Grazieeee

    • La metro è ovviamente il mezzo più veloce, ma non ti godi il viaggio. Il bus è un po’ più lento, ma a me piace di più, il traghetto non l’ho provato. Dipende da te se hai fretta o preferisci gustarti i panorama 🙂

Rispondi